Mercoledì, 10 Febbraio 2010 11:49

Nun me posso move

Scritto da Emanuela Meschini
Vota questo articolo
(0 Voti)
[TEATRO]

nun-me-posso-move-locandina_thmbnlROMA–  Il traffico caotico e congestionato delle ore di punta, la ricerca disperata di un parcheggio qualsiasi, il labirinto di divieti e di permessi, insomma, la vera e propria battaglia che ogni giorno si svolge tra automobilisti e centauri che si avventurano per le antiche e nuove strade di Roma.

Ce la racconta con goliardico spirito romanesco Nun me posso move, la commedia scritta, diretta e interpretata da Massimiliano Pazzaglia, in scena a Roma al Teatro 7 dal 2 al 14 febbraio, attraverso lo sguardo vigile e attento di due simpatici pizzardoni.
Frà (Massimiliano Pazzaglia) e Spà (Amedeo D'Amico) sono infatti due vigili urbani, posti a presidiare, e difendere dalle orde nemiche, un varco della mitica ZTL. E dal loro punto di osservazione ‘privilegiato’ notano, e a volte annotano sul loro taccuino, le scorrettezze e le furbizielocandina-finale degli indisciplinati automobilisti. Ma sono pur sempre romani, e quindi, anche loro, non sempre esattamente ligi alle regole…
Quando infatti arriva uno zelante settentrionale (Fabio Farronato) a far notare che un tizio su una Porche ha parcheggiato senza permesso su un posto riservato ai disabili, i nostri eroi non sono molto disponibili ad intervenire (“Nun me posso move, devo presidià er varco!”) finché non vengono fuori antiche ruggini tra Spà e il coattissimo proprietario della Porche (Armando Puccio).  E quando poi si aggiungono al quadretto una splendida giovane ballerina brasiliana (Lucilla Diaz) e una arcigna comandante dei vigili (Luciana Frazzetto), che poi è anche la focosa moglie di Spà, può accadere di tutto… e al diavolo le regole e i regolamenti!
Vincitrice nel 2008 del Premio del Pubblico alla V edizione del Festival Corto e brillante di Palombara Sabina, questa commedia dai toni del varietà, offre del sano divertimento e, con leggera spensieratezza, anche qualche piccolo spunto di riflessione sulle nostre abitudini.

Emanuela Meschini

Letto 8644 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Febbraio 2010 11:54

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti