Martedì, 07 Settembre 2010 12:34

Pura Utopia _ CO.CO.CO. Canzoni a tempo determinato

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

cover-purautopia-hrCD MUSICA- Tripudio di fiati, rullo di tamburi, ed ecco a voi, signore e signori, i Pura Utopia e le loro “Canzoni a Tempo Determinato”, a quattro anni di distanza dall'album che ha segnato l'esordio della band nel panorama musicale nazionale. Canzoni che colgono l’attimo e parlano di una realtà vera, saldamente ancorata al qui ed ora.

Piccole storie recitate che cercano di descrivere la situazione attuale e le sue discrepanze senza perdersi in sterili chiacchiere da salotto. Come è facile intuire dal titolo, Co.co.co. (con tanto di gallina munita di microfono-auricolare), l’album ruota da una parte attorno al tema del lavoro e al problema del precariato, che come un virus attanaglia il paese, dall’altro si snoda attraverso i dibattiti politici più caldi, dalle pensioni (“L’onesto cittadino”) passando per la guerra (“Cara mammina”), fino ad arrivare alle strategie del sistema mediatico e alla inaccettabile mancanza di nuove spinte rivoluzionarie (“Nessun sembra protestare”).

Il tutto è affrontato con la giusta dose di ironia, ma si tratta di un’ironia intelligente, sarcastica, che lascia trasparire qua e là quel sottile velo di amarezza alla Ascanio Celestini: la chiave di lettura è, in tutti i passaggi, la ridicolizzazione del sistema, il riconoscimento disincantato della malattia sociale con annessa presa in giro (senza peli sulla lingua). Un po’ in stile Elio e le storie tese, se vogliamo (e ci basti ascoltare “Se tu fossi”).
L’album sembra ispirarsi alla più impegnata canzone d’autore (nonostante poi il caro vecchio Guccini riesca a diventare un facile bersaglio con “Guccini non ti sopporto più”), al folk, al rock progressivo riuscendo anche a far emergere qualche omaggio raffinato: un bel tributo ai Queen di “Bohemien Rapsody” quello contenuto nel brano “La banda”.
Disarmante, irriverente, decisamente “scomodo”: il disco giusto per fare il punto della situazione… ma senza cadere in depressione!

www.purautopia.net
www.myspace.com/purautopia
www.cinicodisincanto.it

Tracklist

  1. Nessuno sembra protestare
  2. La banda
  3. Co.co.co.
  4. L’onesto cittadino
  5. Cara mammina
  6. Guccini non ti sopporto più
  7. Se tu fossi
  8. E voi ballate
  9. Buon Natale

I Pura utopia sono:
Sandro Curatolo:
voce e chitarra
Dario Lucarini: Piano, tastiere, violino e viola
Andrea Curatolo: Basso e cori
Gianluca Costa: Batteria e percussioni

Federica Cardia

Letto 11699 volte Ultima modifica il Domenica, 02 Gennaio 2011 11:59

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti