Lunedì, 31 Marzo 2008 14:34

La seduzione secondo uno "zio siciliano"

Scritto da Andrea Lopez
Vota questo articolo
(0 Voti)
Stavolta volevo restare in tema. Anche perché la seduzione è appassionante e ce ne sarebbero di cose da dire…
Per offrire un contributo originale, dato che gli altri articoli trattano l'argomento ampiamente e in maniera certo migliore di quello che state per leggere, ho pensato, approfittando
anche degli spostamenti pasquali, di intervistare un mio vecchio zio "siculo-siciliano" per chiedere a lui qualcosa sul tema “seduzione”.
È un uomo di mondo, ha attraversato due secoli e le ha viste veramente tutte, magari a noi giovani in balia della modernità, una mano ce la può dare…

IO: Ciao zio Turiddo, come stai?

ZIO TURIDDO: Mìì picciriddo, salutamo. Grande ti facisti! Mìì, ma come
ti sei fatto brutto…

IO: Eh, sì. Vabbè… senti zio, sto scrivendo un articolo sulla seduzione, e volevo chiedere qualche cosa a te. Sei un uomo di esperienza, avrai un sacco di cose da dire!

ZT: Su che cosa?

IO: Sulla seduzione, sull'arte della seduzione!

ZT: Aahhhh! La seduzziòne.. Mah, arte, ddiciamo… inzòmma, si può dire che è una cosa innata… una cosa che bene o male tutti fanno…

IO: Beh, certo, chiaro. Ma non tutti la fanno bene, non tutti la possono insegnare, per esempio…

ZT: E certo, chistu chiaro è. Diciamo che io nemmeno la pozzo inzegnare. Però ecco, è chiaro che in tanti anni, di seduzziòne, un zacco di esperienza fici..

IO: Eh, appunto. Raccontaci.

ZT: Ddiciamo subbito che un criaturo nasce quasi imparato. Si talia subbito. Ammagari si deve imparare a camminare, ma la seduzziòne subbito si riconosce se uno la sa fare, o è incapace. Poi un'altra cosa che c'è da dire è che adesso uno ci ha più tempo per la seduzziòne, mentre ai tempi miei, si stava nei campi a lavorare e non c'era tanta possibilità. E anzi, quando si poteva, uno non vedeva l'ora..

IO: Sì giusto. Ma dicci, hai qualche consiglio?

ZT: Figli miei, ma allora vero è: voi ggiòvani ormai un cazzo sapite fare. Manco la seduzziòne. E che ti devo dire, ognuno la fa un po' come gli pare.. cioè, a me m'è sempre venuta normale. A un certo punto, capisci che è ora e tutto qua. Inzòmma, quando non ce la fai più!

IO: Non ce la fai più con la solitudine, con lo stress?

ZT: Eeehh, ddiciamo… chiamiamolo stress.

IO: Ma ci sono rischi che uno può evitare?

ZT: Ca me stai a chiedere si è pericoloso? Mììì, allora veramente tapini site..no, pericoloso non è. Perlomeno non ho mai sentino ninte… certo, certe volte può fare male un poco la schiena… pure
quacche bruciore di sotto, se mi è concesso dire… e poi ora che non faticate la terra, sempre in un ufficio, può essere ca esagerate con la seduzziòne…

IO: Che??

ZT: Eh, prima si stava in piedi assai, adesso no, pecciò…

IO: …

ZT: Eee, dici: che minchia mi guardi?

IO: Zio turiddo, ma che hai capito?? La seduzione non è stare seduti? Mi stai a far perdere un sacco di tempo…

ZT: Mìì, allora avevo capito male. E mi pareva una minchiata che mi stavi a chiedere… e capisco che vi siete rincoglioniti, ma fino a chistu punto…

IO: Oh, allora?

ZT: Aaa, ma allora, che d'è chista seduzziòne?

IO: Eh, la seduzione è… come dire?... Tutto ciò che si fa per conquistare una donna, ecco!

ZT: Mìì, e che si deve fare. Ci si dice: "vieni, andiamo dietro quegli aranceti ca ti faccio vedere una cosa"…

IO: Eh, zio Turiddo, tutto questo tempo mi hai fatto perdere e ora… ma che, mica si fa più così.. le donne vogliono che le porti a cena, compri dei fiori per loro, le aspetti quando sono in ritardo, dici
loro cose carine, ti fai vedere sempre presente..

ZT: Mììì, non solo brutto, pure rricchiòne diventasti!

IO: Eh, vabbè zio, non hai capito niente!

ZT: Mi sa pure a me… comunque, forse un conziglio te lo pozzo dare. Va bene la seduzziòne, e certi vote pure in piedi può piacere ma, senti a me, se vuoi arrivare sano alla mia età, sdraiàti, più comodi si sta…
Letto 8475 volte Ultima modifica il Lunedì, 13 Aprile 2009 15:32

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti