Domenica, 29 Giugno 2008 16:44

Rain against the Sky _ Stars of us idea

Scritto da Federica Cardia
Vota questo articolo
(0 Voti)

CD MUSICA- Astratto e visionario. Il disco d'esordio dei Rain Against The Sky si colloca all’incrocio tra il prepotente lirismo di Bjork, l’impeto aggressivo di Skin e la violenta purezza dell’Elisa nostrana. Stars of Us Idea, senza troppe pretese di perfezione, interpreta un racconto, un viaggio nell’onirico e nella suggestione cinematografica, affidandosi totalmente alla For Ears per l’uscita pubblica e avvalendosi della scelta (azzardata) di non comunicare in italiano, ma in lingua inglese.

E mentre la pioggia si scontra inesorabilmente contro il cielo, in un gioco di paradossi da cui è difficile uscire, i musicisti dell'underground campano, tra echi anni ‘90 e nuovi suoni, uniscono passione e lirismo tipici del patrimonio genetico partenopeo ad uno stile compositivo forte e contemporaneo.

Il sound, elettrico ma romanzato, ci racconta un movimento musicale impercettibile e altalenante, che si avvicina progressivamente a un sentire globale e rotondo, una fertilità linguistica che va oltre le parole per accostarsi a nuove sfere retoriche e multisensoriali. La voce di Renata De Luca è la vera protagonista del racconto: vera, intensa, pura, capace di adattarsi con disinvoltura a qualsiasi linea melodica, cangiante e priva di tentennamenti, pulita anche se associata al suono più nudo e crudo. Stars of Us Idea è un elogio al suono, inteso nella sua autenticità, un album sospeso a mezz'aria tra la colonna sonora e l'album di canzoni. I brani del disco, a tratti dolci a tratti feroci, si attorcigliano su drammi esistenziali e coinvolgenti sperimentazioni, tracciando una stabile linea di senso lungo un viaggio ipnotico e psichedelico.
Frutto di un anno di lavorazione, il disco d'esordio dei Rain Against The Sky ha come obiettivo la sperimentazione e il coinvolgimento emotivo, in un fragile equilibrio tra l’assurdo e il razionale, tra l’emotività e la fredda razionalità calcolatrice.

Tracklist:
1. So intense
2. We are so far, so close
3. Islands
4. For more than a blue day
5. Lazy
6. Peaceful roads
7. I can see the light
8. Burnt out lamps
9. Sweet things
10. Whispers in chains
11. Houses of ice
12. A fragile while

I Rain Against the Sky sono:
Renata De Luca: voce
Candido Morbile: chitarre
Stefano Pellone: chitarre
Alessio Scala: basso
Peppe Ferrillo: batteria

Letto 7315 volte Ultima modifica il Domenica, 26 Aprile 2009 00:02

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti