Mercoledì, 28 Gennaio 2009 12:33

Yo Yo Mundi: un voto per la liberta'

Scritto da Gabriella Radano
Vota questo articolo
(0 Voti)
[MUSICA]

 “Il giorno in cui vennero gli aerei dalle ali grigie, le pance gonfie le bocche nere … Avreste dovuto vedere” cominciamo dal cuore della canzone a raccontare il brano degli Yo Yo Mundi “Il giorno in cui vennero gli aerei”.
La track candidata al titolo Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty, un premio giunto alla dodicesima edizione, che si tiene ogni anno per eleggere una canzone italiana uscita nel corso dell'anno appena passato (in questo caso il 2008) che abbia un testo forte, incisivo, che punta dritto al cuore, capace di evidenziare l'importanza dei diritti umani.

Gli Yo Yo Mundi, sulla scia dei tragici bombardamenti che hanno sconvolto il Medio Oriente, hanno concepito questa canzone dalla forte spinta poetica ed emozionale, di cui sul sito ufficiale del gruppo (http://www.yoyomundi.it/) oppure su YouTube (http://it.youtube.com/watch?v=21qe6DWSNBU) è possibile vedere e scaricare il video, realizzato da Ivano A. Antonazzo. Il video ben si sposa con le tragiche atmosfere evocate dalla canzone, contribuendo a far risaltare l'assurdità della guerra e delle sue principali conseguenze sulla popolazione civile e in particolare sui bambini, le prime vittime innocenti di questo meccanismo.

Oltre ad essere stata scelta nella hot list del Premio Amnesty Italia 2009, il brano Il giorno in cui vennero gli aerei, è la prima traccia di Fuorisessione (www.myspace.com/fuorisessione), compilation musicale interamente a favore di Emergency e prodotta dall'Associazione Scienze Politiche Sassari, in collaborazione con il Gruppo Emergency Sassari.
Se vi abbiamo abbastanza incuriositi e volete sostenere la canzone a vincere il premio, basta soltanto mandare una mail a questo indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 31 gennaio 2009 indicando il brano che secondo voi merita questo importante riconoscimento.
Intanto, ”Il giorno in cui vennero gli aerei a dire bugie, a raccontare scuse, ad annientarci…(…) Avreste potuto salvarci?”…

Letto 7571 volte Ultima modifica il Venerdì, 24 Aprile 2009 00:30

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti