Recensioni

Recensioni (332)

LIBRI- Nella sezione Racconti d’Autore, la Giulio Perrone Editore ci presenta due artiste davvero interessanti:
- Sandra Patrignani, Cani e gatti, Giulio Perrone, pg 84, € 5,00
- Lia Levi, Nessun giorno ritorna, Giulio Perrone, pg 87, € 5,00
La prima ci propone un racconto lungo che ha come sottotitolo la dicitura “Storia di un matrimonio”, e racconta di una tenera, complicata, intensa vita matrimoniale agli sgoccioli in cui a riempire i vuoti tra Giacomo, vignettista di successo e Patrizia, grafica di un giornale, ci sono una folla di animali domestici: cani e gatti, da cui appunto deriva il titolo.
CINEMA- Negli ultimi anni il Cinema e la Tv hanno mostrato gli svariati volti della storia, soprattutto nei fasti della corte della dinastia dei Tudors, con impronte sempre più realistiche e fedeli.
L’altra donna del Re, in originale The Other Boleyn Girl, si propone di offrire al pubblico una storia prettamente romanzata, che narra le vicende delle due sorelle Bolena: Anna (Natalie Portman) e Maria (Scarlett Johansson), sorelle amorevoli e fedeli l’una nei confronti dell’altra.
LIBRI- Silvia Pingitore, alla sua prima fatica letteraria ci ha lasciato davvero sbalorditi. Dapprincipio perché ci sembrava usasse tinte fosche e linguaggio stra-giovanile per descrivere il famigerato mondo della scuola, infine solo perché ci è sembrata, a suo modo, davvero geniale.Il talento letterario è una dote che va coltivata a fondo, forse è per questo che la Pingitore, sebbene sia così giovane, si permette il lusso di critiche profonde alla società attuale, di macchiette esclusive sul mondo giovanile e di allusioni più o meno esplicite al famigerato mondo del giornalismo e della famiglia, tutto in modo irriverente e innovativo.
Sabato, 03 Maggio 2008 13:42

JUNO, regia di Jason Reitman

Scritto da
CINEMA- Da sempre il cinema ha aperto le porte delle emozioni, toccando svariate volte i problemi più quotidiani. Rapporti omosessuali, paure, dipendenze e gravidanze inaspettate, spaccati di vita che una volta erano impossibili da raccontare. Se, poco tempo fa, era stata la Commedia “Molto incinta” a regalarci delle deprimenti risate ora tocca alla pellicola rivelazione dell’anno, ovvero “Juno”. Juno (una bravissima Ellen Page) ha una pipa in bocca, siede su una poltroncina di un improvvisato salotto in mezzo ad un prato e comunica al suo compagno, con finta indifferenza, che è in dolce attesa.
Venerdì, 18 Aprile 2008 14:24

Jacopo Reali, Fuori di qui

Scritto da

LIBRI- “Vi sembrerà di sentire una storia che, in un certo senso, assomiglia a un dramma teatrale, suddivisa in capitoli come atti di una tragedia. Ma gli atti hanno una durata, un filo logico, un’evoluzione e un finale. In questa storia no…”
Fuori di qui è la storia di Jesus, ragazzo ribelle e scontroso dallo strano nome, orfano di madre, che scivola lentamente ed inconsapevolmente verso una spirale di violenza e vendette senza precedenti, e tutto per amore di una ragazza, Gaia, e di una adolescenza vissuta tra mille problemi: dall’accettazione degli altri, alla droga, dall’amore all’odio.

Venerdì, 18 Aprile 2008 14:13

Tutta la Vita Davanti, regia di Paolo Virzì

Scritto da
Partiamo dal presupposto che questo film va odiato e amato allo stesso tempo: alcune scene ci appaiono troppo romanzate e altre così realiste da farci venire una morsa allo stomaco. Eppure Tutta la Vita Davanti, l’ultima fatica di Paolo Virzì, ci spinge vorticosamente all’interno di emozioni vive e palpabili.
Ci fa ridere, sognare, arrabbiare e, infine, anche commuovere.
Lunedì, 07 Aprile 2008 19:24

Giordano Aterini, Un soldo per le tue paure

Scritto da

 

LIBRI- “Il primo fu il formicolio. […] Il secondo fu lo stridio. […] Il terzo fu il respiro. […] Il quarto fu il dolore. […] La quinta fu la paura. […] Il sesto fu il terrore. […] E dopo che strisciò il formicolio, dopo che salì lo stridio, dopo che il respiro mancò e che venne il dolore, dopo che la paura marciò e che lo travolse il terrore, dopo tutto, tutto venne spazzato via dall’ossessione.”

Giovedì, 03 Aprile 2008 01:00

Moleskin_ Penelope

Scritto da
CD MUSICA- Il nome del gruppo richiama immediatamente il leggendario taccuino che ha custodito schizzi, storie e suggestioni prima che diventassero immagini o frasi di opere famose. Sì, certo… manca la vocale finale, ma mi piace pensare ai Moleskin come un gruppo semplice e lineare, proprio come quel taccuino nero: essenziale nelle forme, ma dai contenuti spesso preziosi e privati. I Moleskin chiedono permesso con un disco intitolato “Penelope”, copertina verde e grafica essenziale, quasi a voler accostarsi al pubblico senza prepotenza, alla ricerca di qualcosa di bello ma non per forza graffiante.
Martedì, 01 Aprile 2008 11:47

Pane_ Testamento

Scritto da
CD MUSICA- Da quando in Italia è finito il mercato nero e le ristrettezze del periodo bellico, non era mai successo che col pane ci facessero pure i dischi, ecco perché il vinile è finito in soffitta.
La gente riesce con un po’ di sforzo a non rimpiangere più quel plasticume forse proprio perché i repubblicani, forti della nuova Costituzione, dai tempi del boom non ci hanno fatto mancare il pane ed i giochi circensi, laddove per circensi si intendono quei caroselli che si consumano in parlamento quando crolla anticipatamente una legislatura e che ci fanno pensare: “E’ proprio vero, Tutta la dolcezza ai vermi!”.
Martedì, 18 Marzo 2008 13:41

Amèlie Nothomb, Nè di Eva nè di Adamo

Scritto da
LIBRI- Accade talvolta, fra coloro che praticano il mestiere della narrazione, di cedere all’istintuale pulsione di servirsi della propria storia per appagare l’esigenza di raccontarne una. In questi casi l’esito è quanto mai incerto, e l’effetto altrettanto rischioso: nondimeno capita che il reale dipanarsi degli eventi si carichi di una valenza romanzesca tale, che il solo avvalersi della testimonianza di qualsiasi
furor poetico, lungi dall’apparire un patetico cedimento alla memoria, si impone come il naturale corrispondere alla vanità dell’arte. Non nuova a questo esercizio, Amélie Nothomb anche per questa sua ultima pregevole opera rovista con mano compassata nell’errabondo bagaglio del suo vissuto.
Pagina 21 di 24

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti