Mercoledì, 10 Febbraio 2010 19:07

La notte più bella della mia vita

Scritto da Gabriella Radano
Vota questo articolo
(0 Voti)
[TEATRALMENTE]

teatralmenteTutti nascondono una colpa. Il processo la celebra. Poi attraverso un rituale catartico ci libera con una condanna. È quanto accade ad Angelo Traps (Gianmarco Tognazzi), il protagonista de Die Panne ovvero La notte più bella della mia vita di Friedrich Dürrenmatt. L’opera in scena al teatro Eliseo di Roma dal 26 gennaio al 14 febbraio è un adattamento di Edoardo Erba di cui firma la regia Armando Pugliese.

Insieme a Tognazzi e Bruno Armando nel cast ci sono: Giovanni Argante, Franz Cantalupo e Lidya Giordano, con la partecipazione straordinaria di Lombardo Fornara.
Tutto ha inizio quando Traps-Tognazzi è costretto ad una sosta obbligata per via della sua auto in panne. Il rappresentante di tessuti trova ospitalità a casa di un vecchio giudice che in compagnia di due amici, un pubblico ministero e un avvocato in pensione gli spiegano, con l’intento di A.Bruno_GM.Tognazzi_L.Fornaracoinvolgerlo, il loro unico passatempo: ricelebrare alcuni importanti processi storici come quello a Socrate, a Gesù e a Federico di Prussia.
Tra una bottiglia di vino e l'altra, Traps si ritrova ubriaco e imputato in un vero e proprio processo. A questo punto il gioco si fa realtà: il protagonista parla, si confessa e la sua vita mediocre rivela inaspettatamente un delitto. Lui: amante della moglie del suo principale che, avvertito anonimamente dell’accaduto dallo stesso Traps, muore a causa di un infarto.
Il delitto di Traps è il frutto di una mente assolutamente innocente e inconsapevole; la sua cattiveria è originaria e, come tale, esente da sensi di colpa, ma quando qualcuno interviene per fargli notare il delitto commesso, il ricordo doloroso riemerge. Traps si trova di fronte alla prova della sua colpevolezza ebbro e felice della sua confessione si auto infligge la condanna a morte che i commensali gli sanzionano per gioco. Per Dürrenmatt, quindi, siamo tutti colpevoli: il racconto ne è soltanto la dimostrazione attraverso il paradosso.

Gabriella Radano

Letto 12165 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Febbraio 2010 23:37

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti