Tag: MArteMagazine

MArteMagazine Reloaded con gli Zen Circus

MArteMagazine, la storica webzine di MArteLive dopo tre anni di pausa sta per tornare on line e lo fa con una rassegna di concerti speciali organizzati a Roma tra marzo e maggio 2015. 
Primo appuntamento il 6 marzo 2015 con gli ZEN CIRCUS al Planet Live Club.

Opening: Nadar Solo, Morgan con la I

Continua a leggere

MArteMagazine “Summer fest”. Guest DIAFRAMMA

Il webmagazine di MArteLive dedicato all’arte emergente a 360° festeggia l’inizio dell’estate 2011! con una serata speciale all’Angelo Mai di Roma con ospiti i DIAFRAMMA di Federico Fiumani storica band della new wave italiana capitanata dal poeta Federico Fiumani. In apertura, i Management del Dolore Post-Operatorio, una delle nuove band di MArteLabel.

I Management del Dolore Post-operatorio sono impegnati in questi giorni nella produzione del primo album ufficiale sotto la produzione artistica di Manuele “Max Stirner” Fusaroli (Luci della Centrale Elettrica, Teatro Degli Orrori, Zen Circus).

Non solo musica venerdì 17 giugno all’Angelo Mai che per l’occasione ospiterà anche laperformance Le Carillon, Essenze di Moda a cura di Le Gout Interieur & MadCut, le sculture di Jacopo Mandich, vincitore MArteLive 2011, l’esposizione di Manukalpa e l’installazione di Filippo Odorisio-ArtNoStop. In chiusura Dj e Vj set.

Appuntamento ore 22.00 all’Angelo Mai, via delle Terme di Caracalla, 55 – Roma.


www.martemagazine.it

{tab=DIAFRAMMA}

DIAFRAMMA

I Diaframma nascono nello stesso contesto musicale e territoriale dei Litfiba: la Firenze “new wave” dei primi anni 80. Sull’onda inglese del dark-rock decadente, i Diaframma esordiscono dapprima come cover band dei Joy Division, poi, nel 1982, incidono il loro primo singolo, “Pioggia”, accompagnato dal b-side “Illusione ottica”. La linea musicale del gruppo è chiara fin dai versi del singolo (La vita / si spegne / tra le gocce di pioggia).

Gli splendidi testi del poeta chitarrista Federico Fiumani spingono il gruppo tra i più quotati sulla scena fiorentina dell’epoca. Seguono due singoli, “Circuito Chiuso” (1982) e “Altrove” (Contempo-1983), che confermano le notevoli capacità del quartetto, che vede nel 1984 Gianni Cicchi alla batteria, Leandro Cicchi al basso, Federico Fiumani alla chitarra e testi e Nicola Vannini alla voce. Dopo parecchie esibizioni nei club fiorentini, spesso insieme ai Litfiba, e l’allontanamento di Vannini (rimpiazzato da Miro Sassolini), i Diaframma incidono nel 1984 per l’etichetta indipendente IRA Siberia. Album scarno, diretto ed essenziale, con atmosfere cupe e malinconiche di chiara matrice “post-punk”, Siberia riscuote, con 50.000 copie, un grandissimo successo nelle vendite per la neonata etichetta. Assi portanti dell’album sono la splendida “Amsterdam”, in seguito duettata con i cugini Litfiba, “Neogrigio” e la title-track, pezzi arricchiti dalle magnifiche liriche di Fiumani, vero leader di una band che cambierà ripetutamente formazione nel corso degli anni. Nel 1986 la new wave è morta, e Tre Volte Lacrime vuole essere un avvicinamento a melodie più solari ed eclettiche rispetto a quelle tenebrose dell’album precedente, con uno dei più fortunati brani di Fiumani, “Marisa Allasio”, ripreso in seguito dal gruppo napoletano Argine. Resta però dal vivo la dimensione ideale dei Diaframma, molto apprezzati ormai anche fuori Firenze e dominatori indiscussi del circuito underground italiano di quel periodo. Peccato che in studio Fiumani abbandoni gradualmente la strada del rock per una via più commerciale.

“In perfetta solitudine” è infatti prodotto dalla Ricordi, che vede nei Diaframma “redenti” un buon gruppo di rock d’autore. Il disco contiene brani interessanti come “Beato me”, “Io amo lei” e “Verde”. Segue l’uscita della compilation semi-antologica “Da Siberia al prossimo week-end”, che include oltre all’Ep Gennaio, le nuove versioni di due brani storici quali “Siberia” e “Tre volte lacrime”, più un paio di inediti. Contando sugli ottimi testi di Fiumani, che non perde la sua vena creativa, la Ricordi tenta più volte di far partecipare al Festival di Sanremo la band, ma Fiumani rifiuta sempre. Negli anni 90 i Diaframma continuano su una strada decisamente lontana dal dark-punk dei primi anni, ritornando nel circuito underground con un altalenante successo commerciale.

Con “Il ritorno dei desideri” (Contempo – 1994) le liriche accentuano il loro carattere aspro e passionale nonché lo stile personalissimo sottolineato nel caso specifico dalla produzione di Gianni Maroccolo (Csi). Partecipano al progetto anche Francesco Magnelli (che aveva già preso parte come sessionman alle registrazioni di Siberia), Mara Redeghieri (Ustmamò) e Pino Gulli (poi nei Csi). Sempre del 1994 esce l’unico disco a nome Federico Fiumani, “Confidenziale”, emozionante resoconto di una serie di una serie di concerti acustici tenuti in Italia. Nel successivo “Non è tardi” (Abraxas – 1995) prosegue il cammino espressivo intrapreso, lirico e spigoloso, autorevole e suggestivo, illuminato e sempre fedele a se stesso. Accanto a brani duri e rabbiosi come “Ma finitela” e “Fantasmi di giorno”, compaiono episodi più dolci ed intimisti come “Fiore non sentirti sola” e “Paternità”. Il disco è intenso, vivace, maturo e ripropone una domanda ancora senza risposta: come mai Fiumani non ha fatto breccia nel grande pubblico e, nonostante l’unanime apprezzamento, rimane un artista poco popolare? Sempre nel 1995 i Diaframma vincono il Premio Ciampi, a definitiva consacrazione della poetica di Fiumani.

Nel 1996 la band cambia nuovamente etichetta passando alla Flying Records di Napoli, con la quale pubblica l’album “Sesso e violenza”, sospeso fra punk (“Endorfina”, “Tachicardico”), rock classico (“Metti in moto la macchina”) e tenere ballate (“Valzer”, “Bella”). Due anni dopo esce “Scenari immaginari”, che conferma il buon livello di affiatamento della band e la maturità di Fiumani come autore. I Diaframma, prodotti dalla Self, ristampano nel 2001 i loro primi lavori, che ormai erano difficilmente reperibili, e inoltre raccolgono in due album (“Albori” e “I Giorni dell’IRA”) le sensazioni che avevano portato alla formazione di uno dei gruppi new wave più importanti nel panorama italiano.

{/tabs}

La Bisbetica Domata

Per tutti i lettori di MARTEMAGAZINE il biglietto per lo spettacolo LA BISBETICA DOMATA in scena al Teatro Sala1 ha un costo di soli 6 euro più la tessera di 2 euro.

Basta andare la sera stessa presso il botteghino del teatro e presentarsi come lettore di MARTEMAGAZINE, oppure prenotarsi allo 06-88976626. La promozione è valida tutti i giorni. Lo spettacolo è in scena tutti i giorni alle  21,00 e la domenica alle ore 18.00.

Continua a leggere

MArteMagazine n. 94

Il MArteMagazine 94 cavalca l’onda musicale del MEI 2010 (anche nell’Editoriale della settimana), cui è dedicato lo Speciale, e fa davvero man bassa. Ospiti musicali delle nostre pagine elettroniche nientemeno che Francesco Spaggiari con il suo Riedicola Tour e Piji (Pierluigi Siciliani) presente con la sua canzone “Un vestito di canapa” nella compilation La leva cantautorale degli anni zero.

Ma le sorprese non finiscono di certo qui. Tra le interviste siamo riusciti a fermare a Bologna, Mirco Campioni, l’artista finito nientemeno che sulla copertina Vanity Fair, in mostra con le sue opere alla C.30 Contemporary Art Gallery fino al 22 dicembre.

All’Auditorium della Conciliazione di Roma abbiamo seguito per voi Paolo Conte e la sua “orchestrina”, ma non ci siamo lasciati sfuggire l’irriverente spettacolo di Burlesque al Teatro Olimpico, La Dolce Diva con Dirty Martini e Greg.

Ovviamente non lesiniamo sulle cose viste (è quasi Natale!), dopo tre anni di vita il MArteMagazine è sempre più attivo che mai ed è così che vi presentiamo la musica in ricordo del compianto Jimi Hendrix, il primo spettacolo dal vivo in 3 D, L’Arca di Giada, al Teatro Palladium e una mostra davvero interessante al Whitecubealpigneto, Devadasi di Giordana Napolitano.

Vi consigliamo vivamente anche qualche bel regalino da fare per Natale. Primo fra tutti il nuovo disco di Zibba & Almalibre, Una cura per il freddo (che vista la stagione è davvero azzeccatissimo!) o X (suite for Malcolm) del trombettista jazz Francesco Bearzatti. Oppure il libro di William Saroyan, Una commedia umana, riedito dalla Marcos y Marcos e il divertentissimo 2012. E’ in gioco la fine del mondo, di M. Tomatis, dove divertenti giochi matematici sfatano il mito della fine del mondo dei Maya.

Tra le Rubriche non possiamo che consigliarvi di dare un’occhiata a Roma Videoclip 2010 con i nomi di tutti i vincitori, o di segnalarvi lo spettacolo in scena al Teatro Eliseo, Le allegre comari di Windsor, che vede un Leo Gullotta in stato di grazia interpretare mirabilmente il Falstaff innamorato di Shakespeare.

E’ tutto? Ovviamente no. Ogni martedì ci sono sempre nuove News da leggere e nuovi live da seguire, tutto in attesa del nuovo numero, il 95 in uscita tra meno di due settimane. Non vi resta che cominciare a leggere…
A presto!

MArteMagazine n°93

Tre anni fa partimmo dal MEI. L’editoriale del numero 93 ricorda gli esordi del MArteMagazine: un paio di articoli, la presenza al Festival della Musica Indipendente, che si svolgerà quest’anno dal 26 al 28 novembre a Faenza; e fu l’esplosione del MArteMagazine.

Continua a leggere

  • 1
  • 2

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti